Francesco Brugnatelli

Francesco-Brugnatelli1.jpg (300×300)

Francesco Brugnatelli
Socio dello Studio

Via Lorenzo Mascheroni, 31
20145 Milano

Tel. +39 02 4819 3228

francesco.brugnatelli@ichinobrugnatelli.it

Dal 1989 al 2001 ha collaborato con il Cardinale Martini presso l’ufficio di pastorale del lavoro della Curia di Milano.

Laureato a pieni voti in diritto del lavoro nel 2001 presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi interdisciplinare su Lavoro e sindacato nella cultura dei lavoratori milanesi, si è quindi dedicato alla professione forense.

Avvocato dal 2004, si occupa in prevalenza di questioni di diritto commerciale e societario, e, in misura minore, di diritto del lavoro e previdenziale.
Fornisce consulenza e assistenza alle banche (per es. in materia di finanziamenti, garanzie internazionali, leasing, procedure di risanamento di imprese, sanzioni amministrative pecuniarie), a dirigenti, amministratori, sindaci e imprese in campo societario e ai privati (in particolare in materia di privacy, responsabilità sanitaria e diritti reali).

Ottima conoscenza della lingua francese scritta e parlata; buona di quella inglese e poco più che elementare di quella cinese (HSK4).

Per oltre dieci anni consigliere della Fondazione Luigi Clerici, di cui è stato Vice Presidente sino al 2013, è socio della SISCO (Società italiana di studi concorsuali) e partecipa in veste di relatore a seminari e corsi di formazione su argomenti di diritto societario e sui rapporti culturali e societari fra Italia e Cina.

Negli ultimi anni ha sviluppato una vasta rete di relazioni in Italia e Cina, accompagnando società italiane nei processi di internazionalizzazione e assistendo clientela cinese (anche privati) nell’acquisizione di asset (società e real estate) in Italia e nella successiva gestione (governance, contratti di lavoro e di distribuzione, ristrutturazioni, permessi di soggiorno per lavoratori qualificati e dirigenti…). Coautore di una guida al diritto del lavoro italiano bilingue (italiano e cinese) pensata per accorciare il gap conoscitivo e culturale fra i mondi delle imprese e del diritto italiani e cinese.