La cassazione Penale in tema di prevenzione infortuni sul lavoro – recente sentenza commentata dagli avv.ti Marco Bernabeo e Simona Salis

La sezione IV della Cassazione penale, nella recente sentenza n. 18323, ha sottolineato l’obbligo del datore di lavoro  di analizzare, secondo la propria esperienza e la migliore evoluzione della scienza tecnica, tutti i fattori di pericolo effettivamente presenti all’interno dell’azienda. All’esito di tale esame, deve redigere e sottoporre ad aggiornamenti periodici il documento di valutazione dei rischi all’interno del quale è tenuto a indicare le misure precauzionali e i dispositivi di protezione adottati per tutelare la salute e sicurezza dei lavoratori.

Nel commento alla sentenza, Marco Bernabeo e Simona Salis evidenziano come il documento di valutazione dei rischi debba essere realmente idoneo a sviluppare un’adeguata e corretta politica antinfortunistica all’interno dell’azienda, in quanto l’adeguatezza delle misure preventive si misura in concreto e alla luce dei principi di cui all’art. 2087 c.c. relativi alla particolarità del lavoro, all’esperienza e alla tecnica.

L’intero commento è disponibile da questo link