Sanzioni contro i licenziamenti ingiustificati, nuova sentenza della Cassazione commentata dall’avv. Pietro Ichino

Nei primi commenti a caldo, la sentenza della Corte di Cassazione 8 maggio 2019 n. 12174, in tema di sanzioni contro i licenziamenti ingiustificati, da alcuni viene additata come un terzo episodio – dopo il “decreto dignità” e la sentenza n. 194/2018 della Corte costituzionale – di sgretolamento della riforma di questa materia varata col Jobs Act del 2015; da altri invece viene considerata come la riconferma di un principio da tempo pacifico, sul quale nessuno può ragionevolmente dissentire. Il prof. avv. Pietro Ichino, con l’articolo pubblicato ieri, 22 maggio, su “la voce.info”, ci aiuta ad interpretare i fatti e l’orientamento della Suprema Corte.